Fashion e crisi

FASHION E CRISI. pER IL 56% DELLE AZIENDE ANCORA 12 MESI IN SOFFERENZA. MA IL 98% MANTIENE O AUMENTA GLI INVESTIMENTI IN FORMAZIONE MANAGERIALE.
BOCCHESE (SISTEMA MODA): La formazione è UN ELEMENTO FONDAMENTALE per realizzare la ripresa del settore moda.

Per la moda gli strascichi della crisi si faranno sentire ancora per i prossimi 12 mesi. L’evidenza è contenuta in un’analisi realizzata dalla Fondazione CUOA, che nell’ultimo mese ha inviato oltre 2mila questionari alle aziende attive nel settore moda. Dai dati raccolti emerge che, secondo la maggior parte delle imprese intervistate (56%), la crisi è ancora in atto e avrà ripercussioni anche nel 2010. Le previsioni fino a fine anno sono negative per il 37% dei rispondenti. Mentre la crisi è giunta alla sua fase conclusiva per il 7%. Per contrastare il momento, le imprese non vedono come unica via di scampo il taglio incondizionato dei costi: c’è, infatti, chi sceglie di investire nell’innovazione dei prodotti e punta allo snellimento dei processi. Il 98% delle imprese ritiene, inoltre, che si debbano sviluppare o mantenere gli investimenti in formazione, in particolare in quella manageriale (55% dei rispondenti), che risulta un elemento strategico per superare questo momento. Le aziende del settore risultano molto sensibili al tema: lo dimostra la maggioranza del campione (60%), che negli ultimi due anni ha investito in questa leva strategica e che intende potenziare ulteriormente gli investimenti in tal senso.


Tra i temi ritenuti prioritari, sulla base di risposte multiple, per le aziende c’è lo sviluppo di competenza sul commerciale e vendite (55%), strategia d’ impresa (37%), marketing (38%) e comunicazione (34%). Alcune aziende hanno individuato nell’internazionalizzazione un’altra possibile soluzione. Le aree ritenute maggiormente strategiche sono la Cina, la Russia, l’Europa Orientale e Occidentale, seguite dal Medio Oriente. Il Far East, India e America sono ritenuti meno strategici.
«La formazione è un elemento fondamentale per realizzare la ripresa del settore moda. Un comparto che è fortemente penalizzato dalla crisi dei consumi – afferma Michele Bocchese, Presidente del Sistema Moda degli Industriali di Vicenza – Per questo riteniamo che implementare un corso dedicato ai manager che gestiscono i processi di internazionalizzazione e dell’implementazione dei mercati sia non solo necessario, ma indispensabile per reagire in maniera decisa a questo difficile momento». In tal senso la Fondazione CUOA in partnership con Polimoda e con il patrocinio del Sistema Moda Italia ha progettato il corso: “Fashion Management”, dedicato allo sviluppo di competenze manageriali e strategiche. «Il corso nasce dalla necessità dei manager del nostro settore di approfondire strategie e tecniche innovative necessarie ad “attaccare” i nuovi mercati molto competitivi – continua Bocchese – Le lezioni avranno l’obiettivo di identificare e analizzare strategie competitive proprie del settore moda, approfondire l’importanza delle ricerche di mercato e del posizionamento del marchio, sviluppare capacità creative e di comunicazione del fashion, valorizzando il fattore territoriale».
Destinatari del corso sono imprenditori, manager e professionisti coinvolti nella definizione della strategia aziendale del sistema moda e, in generale, coloro che desiderano specializzarsi nel settore, acquisendo una visione integrata dei processi che lo caratterizzano.
È previsto uno study tour, presso Villa Strozzi a Firenze, sede di Polimoda, per lo svolgimento di uno dei moduli didattici del corso.


Comments

comments

Lascia un commento