Ascoltare musica su CD: nuovo trend o effetto nostalgico?

Negli ultimi tempi sembra proprio che siano ritornati di moda i CD. Proprio così, i Compact Disc che per decenni sono stati i principali mezzi per ascoltare musica sono riusciti a tornare alla ribalta. 

Non a caso, i più grandi artisti nazionali e internazionali rilasciano ogni nuovo album sotto forma di tale formato. Tuttavia, a volte può essere difficile trovare il mezzo con il quale ascoltare tali dischi. In effetti, i lettori per CD stanno scomparendo, trovarne uno con le caratteristiche giuste può essere davvero difficile. 

A questo punto, occorre fare un’analisi al riguardo, cercando di capire perché i CD sono tornati di moda e come analizzare quale prodotto acquistare per ascoltare musica di alta qualità. 

Musica su CD: perché il successo sta ritornando? 

Per anni i Compact Disc hanno dominato la scena della musica. Tali mezzi hanno soppiantato le audiocassette e sono rapidamente entrati nell’immaginario collettivo. 

Sono passati circa 20 anni dal boom dei CD. Ormai il mondo è andato avanti e la musica si ascolta principalmente via streaming, attraverso l’iscrizione ad abbonamenti come Spotify o Apple Music. Tuttavia, negli ultimi tempi la moda dei CD sembra aver conquistato giovani e meno giovani. 

Le ragioni dietro a tale ritorno di fiamma sono molto chiare da comprendere. In primo luogo, comprare un CD fisico rappresenta una sorta di omaggio alla band o all’artista che si ascolta. In poche parole, se si ama un certo tipo di musica è importante avere qualcosa intorno che lo ricordi, dunque i CD sono oggetti da esporre in casa o in stanza per ricordare i propri gusti e il valore che una certa musica ha.

Oltre a ciò, avere una collezione di dischi può essere un obiettivo concreto da seguire nel tempo libero. Ormai acquistare CD è diventato un hobby, una passione al pari del collezionismo. Ad esempio, se si adorano i Queen non ci si può limitare ad avere una playlist virtuale, intangibile, dalla quale ascoltare tutti i loro successi. Certo, ciò è possibile, ma non ha lo stesso gusto di ascoltare e possedere un album della band in formato disco. Tale discorso si applica a tutti gli artisti.

Infatti, un CD è in grado di donare un senso di appartenenza alla band o al cantante. Nel dettaglio, significa avere qualcosa creato da tali professionisti e custodirlo gelosamente nella propria quotidianità. Come si può intuire dunque, l’effetto di possedere un CD, sistemarlo in un luogo della casa, averne cura e ascoltarlo quando si ha voglia dona emozioni impossibili da replicare con il veloce e immediato streaming online. 

Come ascoltare musica su CD?

A questo punto, qualcuno potrebbe chiedersi come ascoltare musica su CD. Ebbene, per riuscire a fare ciò occorre scegliere il giusto lettore CD. Si tratta di strumenti che erano un must qualche anno fa e si potevano trovare in qualsiasi casa. Tali prodotti tecnologici permettono di riprodurre musica dai dischi in alta qualità e di controllare la riproduzione in pochi attimi. Tuttavia, per fare un acquisto intelligente occorre considerare e analizzare alcune caratteristiche di tali strumenti. 

In primo luogo, è necessario optare per un lettore CD hi fi. Questo significa che il lettore deve essere in grado di riprodurre musica in qualità eccellente. Ogni tonalità deve essere restituita in modo chiaro, senza sbavature evidenti. 

Inoltre, un buon lettore CD deve supportare formati di vario genere. Dunque, qualsiasi sia la tipologia di CD audio inserita all’interno, il lettore deve svolgere il suo dovere, leggere il file e restituire l’audio. I modelli più avanzati di tali prodotti poi, possiedono anche il supporto per una USB esterna. In questo modo, supportano anche file di tipo FLAC, incredibilmente avanzati dal punto di vista della qualità audio. 

Molto importante poi, la presenza di un amplificatore per cuffie. Grazie a tale strumento, è possibile collegare cuffie con filo al lettore e ascoltare ogni dettaglio musicale. Questo è un must per chi si definisce audiofilo e vuole concentrarsi su ogni sfumatura. 

Da non sottovalutare il fattore isolamento, che permette di eliminare rumori fastidiosi dai CD e dalle altre sorgenti che possono interferire con la qualità audio. 

Infine, prima di scegliere un buon lettore CD bisogna soffermarsi anche sul brand che lo ha prodotto. Onde evitare problemi ci si può affidare a marchi come Marantz, Denom e Arcam che hanno anni di esperienza alle spalle.

Comments

comments

Lascia un commento